Questionario su sfide etiche in tempo di covid19

Riceviamo dalla socia Teresa Bertotti e volentieri diffondiamo la seguente comunicazione.

Mi fa piacere inoltrarvi il messaggio di ringraziamento - che ho tradotto in italiano - della prof.ssa Sarah Banks dell’università di Durham e annuncio della pubblicazione del report sulle “sfide etiche degli assistei sociali durante il Covid- 19”, in quanto il vostro supporto è stato determinante per la diffusione della survey.  (su 505 riposte a livello mondiale, ben 49 sono arrivate dall’Italia). Nel testo trovate il link al report.
 
Nel mese di maggio molti di voi hanno partecipato al sondaggio sulle sfide etiche affrontate dagli assistenti sociali durante Covid-19. A nome del team di ricerca, desidero ringraziarvi di cuore per il tempo che avete dedicato, in un periodo che sappiamo essere stato (ed essere tuttora) molto impegnativo e difficile per tutte le persone coinvolte nel social work, affrontando condizioni di stress del tutto eccezionali.
Il rapporto è stato pubblicato oggi dalla IFSW (International Federation of Social Workers)  e  potete scaricarlo, per ora in lingua inglese, sul sito web qui. https://www.ifsw.org/study-of-the-ethical-challenges-faced-by-social-workers-during-the-covid-19-pandemic-published/   
 
All’inizio trovate una sintesi dei principali risultati e delle raccomandazioni emergenti. 
 
Come membri del team di ricerca siamo stati impressionati dalla resilienza e dalla creatività degli assistenti sociali di tutto il mondo, e siamo colpiti in particolare dai tanti racconti delle sfide etiche e pratiche che avete affrontato nel cercare di fare il meglio possibile in circostanze così avverse. Il vostro impegno e la vostra dedizione non devono passare inosservati, e l'IFSW utilizzerà i risultati della ricerca per lavorare con le associazioni nazionali degli assistenti sociali di tutto il mondo e per fare pressione sui governi per un migliore riconoscimento e sostegno del servizio sociale.
Se siete interessati a saperne di più e a contribuire alla discussione, sei membri del team di ricerca presenteranno i risultati della ricerca e dialogheranno in diretta con i partecipanti durante la sessione on line della conferenza dell'IFSW sabato 18 luglio alle 10.30  (UTC- controllate il vostro fuso orario). Per partecipare a questa sessione è necessario registrarsi alla conferenza: https://www.ifsw.org/2020-conference/register/
 
Vi auguriamo ogni bene nel prosieguo del vostro lavoro. Tenetevi in contatto e fateci sapere se avete altre sfide etiche (o soluzioni) che volete condividere. Noi continueremo a monitorare le situazioni in evoluzione in tutto il mondo per sviluppare con l’IFSW, una guida etica più dettagliata alla fine di luglio.
 
Con i migliori auguri
 
Sarah Banks, on behalf of the Social Work Ethics Research Partnership
 
Centre for Social Justice and Community Action
 
Durham University, UK
 

 
 
Riceviamo dalla socia Teresa Bertotti e volentieri diffondiamo la seguente comunicazione.
 
car* colleg* assistenti sociali e docenti ricercatori di servizio sociale 
vi scrivo per chiedervi se volete partecipare a questa ricerca e contribuire a diffonderla. 
 
Si tratta di una ricerca volta a raccogliere informazioni sulle sfide etiche vissute dagli assistenti sociali in tempi di covid 19.  la ricerca ha lo scopo di raccogliere il racconto di alcuni episodi per poter produrre inizialmente in tempi brevi delle linee guida  e successivamente una riflessione più articolata su sfide e dilemmi etici in situazioni di emergenza. 
La ricerca è coordinata dalla prof.ssa Sarah Banks dell’Università di Durham  (UK), è promossa da un gruppo internazionale di studiosi di etica, sviluppatosi nell’ambito dell’ESWRA (European Association Social Work Research) ed è sostenuta dall’IFSW. 
 
E’ in corso di diffusione  a livello internazionale  e si concluderà in tempi brevi il prossimo 18 maggio
 
Possono partecipare alla ricerca gli assistenti sociali, i docenti e gli studenti di servizio sociale. 
In sintesi, il questionario chiede di descrivere brevemente quali sono le principali sfide etiche di questo periodo e di raccontare un episodio specifico, indicando il contesto, cosa è successo, chi è stato coinvolto, l’eventuale , la decisione presa, gli aspetti emotivi e le eventuali altre riflessioni
Purtroppo non è stato possibile  tradurre il questionario in italiano né sarà possibile tradurre le vostre risposte. 
E’ possibile però scegliere di rispondere in diverse lingue, scegliendo quella che in cui vi sentite maggiormente a vostro agio
 
Vi allego una presentazione delle ricerca con i link al questionario con la preghiera di diffonderlo al massimo possibile e incoraggiando le persone a compilarla 
Inoltre, non fatevi frenare dal timore di non conoscere la lingua: usate tranquillamente i sistemi elettronici di traduzione (Google o deepl, tra gli altri, vanno bene). 
Ciò che ci interessa è una presenza italiana in questo
 
Anche il Cnoas ha dato la disponibilità a diffondere la ricerca. 
 
Ringraziandovi di cuore della collaborazione 
vi saluto caramente 
Teresa Bertotti
 
 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 
 
La SocISS si unisce al dolore per la scomparsa di
Milena Lerma (1923-2020)
Condividiamo di seguito il testo a cura di Marilena Dellavalle per SOSTOSS, con il contributo di Milena Diomede Canevini
Nelle foto, Milena Lerma al Trentennale AIDOSS, Milano ottobre 2014.
 

Dal 28 aprile 2020, Milena Lerma non è più con noi.

È un periodo difficile questo in cui se ne vanno importanti protagoniste della prima generazione di assistenti sociali italiane che hanno rivestito un ruolo fondamentale nel Servizio sociale, per la sua affermazione e per il suo sviluppo a livello professionale e scientifico.

Milena Lerma (nata il 3 settembre 1923) è nota alla comunità del servizio sociale, dove è stata apprezzata sia per il suo contributo scientifico e didattico, sia per la qualità delle sue capacità relazionali e umane.
Dopo essersi laureata al Magistero, nel 1948, Milena Lerma si diploma - una delle 15 allieve del primo corso - presso la Scuola Pratica per Assistenti sociali diretta da Odile Vallin alla quale si era avvicinata attraverso la sua attività di volontaria presso l’Opera Cardinal Ferrari.
Nel 1950 entra nella stessa Scuola di Milano come monitrice e poi come docente. Milena Diomede Canevini ricorda di aver sostenuto con lei il colloquio d’ingresso e di averla avuta come insegnante di servizio sociale di gruppo e anche come relatrice della tesi del suo diploma, conseguito nel 1952, tesi proprio incentrata sul tema del gruppo.
Molto attiva nel promuovere le scuole del gruppo ENSISS (Ente nazionale Scuole di Servizio sociale), nel 1962 subentra ad Alba Canali nella direzione della Scuola di Milano - che aveva aderito all’Ensiss nel 1947, staccandosi dall’Opera Cardinal Ferrari – dove promuove gli scambi internazionali.

La sua partecipazione alla vita della nostra comunità è vivace fin dall’inizio: nel 1959 è eletta Presidente dell’Associazione Nazionale Assistenti sociali con Giovanni Bussi, in conclusione del VI Congresso Nazionale svoltosi a Bologna, succedendo ad Elda Busnelli Fiorentino. Nel luglio 1960, partecipa come membro dell’Executive Committee della International Federation of Social Work al Meeting di Copenaghen.
La sua esperienza non è estranea all’esercizio della professione: dal 1948 al 1950 opera come assistente sociale di fabbrica; nel 1960, in un periodo in cui la Scuola Ensiss di Milano è gravata da difficoltà finanziarie, Milena entra a far parte dell’Amministrazione Provinciale di Milano come Sovraintendente ai Servizi sociali dell’ente.

Nel 1969 si iscrive alla Scuola di specializzazione in psicoterapia dell’Università Cattolica di Milano, dove si forma con gli insegnamenti di Mara Selvini Palazzolo e Giuliana Prat, Luigi Boscolo e Gianfranco Cecchin, fino a conseguire la specializzazione in psicoterapia famigliare nel 1973. Il suo impegno in questo campo, anche come formatrice nella Scuola di Selvini Palazzolo, la vede collaborare intensamente con Dante Ghezzi e con Stefano Cirillo; con quest’ultimo dirige la collana L’intervento psicosociale della Casa editrice Raffaello Cortina.

La sua competenza in questo ambito diventa sempre più autorevole, ma questo non la porta ad abbandonare il servizio sociale che mantiene come uno dei suoi interessi principali , sia conducendo attività formative, anche con Lina D’Adda, sia dedicandosi all’elaborazione di un modello teorico per il servizio sociale che si fonda sull’approccio sistemico relazionale, come testimoniato nel suo autorevole e rigoroso volume «Metodi e tecniche del processo di aiuto», edito nel 1992 da Astrolabio, che riscuote notevole successo.
La sua attività di docente di servizio sociale prosegue presso la Scuola per Assistenti Sociali La Nostra Famiglia di Bosisio Parini e poi nel del Corso di laurea dell’l’Università Cattolica di Milano, realtà in cui collabora con Francesco Villa.

Tra le sue pubblicazioni:
- 1964. La documentazione professionale come strumento di partecipazione alla politica dell’ente. In «Il ruolo dell’assistente sociale nel processo di formulazione e di sviluppo della politica dell’ente» Atti del Convegno ISTISS, sotto l’Alto Patrocinio del Ministero per la Riforma della Pubblica Amministrazione. Roma: ISTISS, pp. 125-138.
- 1987. Caratteri e funzioni dell’ipotesi nel processo di aiuto del servizio sociale. In «L’approccio sistemico- relazionale applicato il servizio sociale. Un nuovo modello?». Atti del Convegno Università di Parma. Parma: Litografia Novastampa.
- 1992. Metodo e tecniche del processo di aiuto, Roma: Astrolabio.
- 1992. La supervisione come relazione interpersonale. In «Servizi sociali», Padova: Fondazione Zancan, 1.
- 1993. Dalla teoria alla prassi: criteri per una formazione integrata. In F. Villa (a cura di). «Il servizio sociale nell'Italia degli anni '90: nuove abilità e formazione universitaria». Milano: Vitae Pensiero, pp. 131-138.
- 1993. Con Ghezzi, Dante. Problemi sessuali e gioco di coppia. In «Attraverso lo Specchio», 35-36.
- 1995. con Bertuzzi, Rita. Gruppo di coordinamento tecnico-organizzativo: problemi e difficoltà. In E. Bianchi (a cura di) «Servizio sociale e lavoro con i gruppi». Milano: Franco Angeli
- 2003. I Pionieri della Terapia Familiare- In «La Ca’ Granda» Vita ospedaliera e informazioni culturali – Milano: IRCCS Ospedale Maggiore - anno XLIV - n. 2, pp. 24 – 29.
- 2011. Con Canali, Alba. Odile Vallin. Formatrice di assistenti sociali. In M. Stefani (a cura di). «Le origini del servizio sociale italiano. Tremezzo un evento fondativo del 1946». Roma, Viella, pp. 246- 263.

(Marilena Dellavalle per SOSTOSS, con il contributo di Milena Diomede Canevini)
 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 
La SocISS si unisce al dolore per la scomparsa di
Anna Maria Cavallone (1927-2020)
Condividiamo di seguito il testo a cura di Marilena Dellavalle e pubblicato per SOSTOSS
 

Tutti abbiamo bisogno della memoria.
Tiene il lupo dell’insignificanza fuori dalla porta.
(Saul Bellow)

Vogliamo ricordarla per l’importante ruolo da lei giocato nell'affermazione del servizio sociale italiano dove ha garantito una presenza autorevole, con particolare riferimento alla dimensione internazionale.
Già laureata in Lingue e letterature straniere, nel 1952 consegue il diploma di assistente sociale presso la Scuola ENSISS di Milano, discutendo una tesi dal titolo Il colloquio nello studio dei casi sociali di cui è relatrice Odile Vallin. Nello stesso anno partecipa a un seminario dell’ONU sul case work e nel 1955 frequenta la Columbia University, conseguendo il Master of Social Science; successivamente torna negli USA, per frequentare altri percorsi di studio in cui ha occasione di fruire delle lezioni di Florence Hollis e Gordon Hamilton; nella metà degli anni sessanta ottiene una borsa Fullbright e torna a New York come visiting in school.
Docente alla Scuola Ensiss di Milano, è fra coloro che introducono il case work in Italia.
Nel 1967 si trasferisce a Roma, chiamata dall’AAI (Amministrazione Aiuti Internazionali) a dirigere il programma di assistenza tecnica alle scuole di servizio sociale e collaborare a studi e ricerche sulla formazione degli operatori dei servizi sociali
Dopo aver operato per trent’anni all’AAI, prosegue la sua carriera, fino a raggiungere il grado di vice prefetto, presso il Ministero dell’Interno dove opera nell’Ufficio Studi e Documentazione della Scuola Superiore Amministrazione Interno (SSAI), assumendone la direzione dal 1986 al 1991. Rilevante il suo apporto all’Ufficio Sudi, Ricerche, Documentazioni e Legislazione Direzione Generale dei Servizi civili del Ministero dell’Interno che promuove e cura molte ricerche sul servizio sociale, confluite in numerose pubblicazioni: si tratta di un importante contributo al percorso che conduce all’emanazione del dpr 14/1987 con cui si ottiene il riconoscimento giuridico del titolo di assistente sociale e l’esclusività della formazione universitaria.
Considerevole il suo impegno negli organismi associativi internazionali: eletta, dopo la sua partecipazione al convegno di Washington del 1992, come membro del Comitato Esecutivo dell’IASSW (International Association of Schools of Social Work) e coinvolta nell’ICSW (International Council of Social Work). Dal 1995 al 2004 ha partecipato alla EAPN (European Anti-Poverty Network). Molto attiva anche nel CISS (Comitato Italiano di Servizio sociale) di cui è stata Vice Presidente. Membro del comitato direttivo dell’ISTISSS per molti anni ha curato la rassegna delle riviste straniere nella Rivista di servizio sociale
Numerose le sue pubblicazioni, fra le quali ricordiamo:
1973. (a cura di). Il servizio sociale di zona: esperienze e dibattiti, Roma: Amministrazione per le attività assistenziali italiane e internazionali.
1975. (a cura di) Verso una normativa nel settore della formazione degli operatori sociali: raccolta di testi legislativi e documenti. Roma: A.A.I, Amministrazione per le attività assistenziali italiane e internazionali. Collana Contributi per lo sviluppo dei servizi sociali, 29.
1980.L’attività promozionale dell’AAI per la formazione degli assistenti sociali nell’ultimo decennio. In «Materiali per una ricerca storica sulle scuole di servizio sociale». Atti del seminario sulla storia delle scuole di servizio sociale in Italia, a.a. 1977/78 / a cura di B. Bortoli, pp. 169 – 182.
1980. Il ruolo dell’assistente sociale nella prevenzione. In «Prospettive sociali e sanitarie», 3.

1988. Bianchi E, Cavallone A.M., Dal Pra Ponticelli M., I De Sandre, E. Gius, A. Palmonari (a cura di). Il lavoro sociale professionale tra soggetti e istituzioni. Dialogo tra servizio sociale, psicologia, sociologia. FrancoAngeli, Milano.
1988. Lavoro sociale e nuove forme di solidarietà in E. Bianchi et al. «Il lavoro sociale professionale tra soggetti e istituzioni», cit., pp. 63-88.
1995. Aspetti del dibattito in altri Paesi, in T. Vecchiato & F. Villa «Etica e servizio sociale». Milano: Vita e Pensiero, 1995, pp. 131- 158.
2013. Organismi associativi internazionali. In A. Campanini (direzione di) «Nuovo Dizionario di Servizio sociale». Roma: Carocci, pp. 409-14.

Così la ricorda Maria Lorenzoni Stefani: Anna Maria Cavallone è stata la mia prima dirigente, all’inizio del mio lavoro all’AAI a Roma. Non era un “capo” facile, estremamente perfezionista ed esigente con se stessa e con gli altri. Da Lei ho imparato molto a livello professionale e abbiamo stabilito un’amicizia che è durata nel tempo, anche se la mia scelta di lavoro sul territorio ci ha allontanate professionalmente. Quando lavoravamo all’AAI, lei abitava lungo la mia traiettoria ufficio casa e spesso, finito il lavoro, andavamo insieme all’asilo nido dell’AAI a prendere i miei figli per i quali era ed è rimasta “Anna delle caramelle”.

Milena Diomede Canevini ci consegna, oltre alla fotografia, questo vivido ricordo: "Anna Maria è stata la mia insegnante di casework, che guardava fuori dai confini; la collega generosa, severa, attenta a cogliere, stimolare e valorizzare attitudini; l’amica di una vita che mi ha accompagnato lungo i percorsi professionali e familiari. Dotata di una intelligenza curiosa e vivace, da sempre ha coltivato molteplici interessi; in ogni occasione di incontro, anche se il cuore era sempre il servizio sociale, si rendeva evidente l’approfondimento nelle discipline umane. Coltivava con grande sensibilità l’interesse per le arti, anche durante la lunga e difficile malattia, vissuta con grande e consapevole dignità. Ha insegnato al servizio sociale a cercare e ad esigere il rigore scientifico. La sua presenza, seria, talvolta forse rigida, era subito accompagnata dal sorriso cordiale, dal pensiero affettuoso, dallo humour intelligente. Anna Maria è stata e rimarrà nella storia del servizio sociale una figura ricca di umanità, di competenza e di capacità innovativa. Un esempio da tramandare e da studiare"
Anna Maria Cavallone, in una foto dei primi anni duemila che ritrae il Gruppo ENSISS di Milano, con Milena Diomede Canevini, Vittoria Baseggio, Alba Canali Gambardella, Milena Lerma, Lucia Petri Dell’Oro, Anna Ponzini.

Marilena Dellavalle
Con il prezioso contributo di Annamaria Campanini,
Milena Diomede Canevini e Maria Lorenzoni Stefani.

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Cari Soc*,

vi ricordiamo che il 30 aprile è la scadenza per il versamento del rinnovo della quota per i soci già iscritti negli anni precedenti.
Ricordiamo che ai sensi dell’art. 3 del nostro Statuto, il mancato pagamento della quota determina la decadenza dalla qualifica di socio.

Così come deciso nell'ultima assemblea dei soci, il socio che rinnoverà la quota oltre il 30 aprile dovrà corrispondere una mora di 10 euro.

Sul sito trovate l'elenco dei soci che ci risultano aver pagato la quota 2019 (nel caso vi fossero degli errori vi preghiamo di segnalarcelo):

https://logintest.webnode.com/soci/


L’ammontare e le modalità per il versamento della quota sociale 2020 sono le medesime degli anni passati:
 

  1. Effettuare un versamento di 60€ con bonifico bancario al conto corrente intestato a Società Italiana di Servizio Sociale (NON l'acronimo SocISS)
    c/o Cariparma e Piacenza, Sede Centrale V. Università 1/a, 43100 PARMA
    IBAN ELETTRONICO: IT79M0623012700000036270302
  2. Compilare il form reperibile al seguente (solo nel caso in cui i vostri dati fossero cambiati rispetto al 2018)  LINK

Per maggiori informazioni visitare il nostro sito a: https://logintest.webnode.com/come-iscriversi/

 

Ringraziamo tutti i soci anticipatamente per la collaborazione!


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
EMERGENZA COVID19
Car* soci*,
 
segnaliamo che è stato creato un gruppo Facebook privato denominato "Formazione al Servizio Sociale - emergenza Covid-19 - tirocinio e dintorni" con il seguente scopo:
"Il presente gruppo privato (i messaggi vengono visti dai soli membri) e visibile (può essere trovato da chi digita la sua denominazione e chiede di esservi ammesso) è finalizzato allo scambio di informazioni sulle esperienze in atto presso le università italiane per affrontare le sfide poste alla formazione del servizio sociale, con particolare ma non esclusivo riferimento al tirocinio.
 
 
Segnaliamo anche che il sul sito del SUNAS è stata creata una sezione specifica per l'emergenza: https://www.sunas.it/index.php/archivio/archivio-emergenza-covid19
 
 
Ricordiamo che siamo disponibili a raccoglie le vostre esperienze sull'attuale periodo sulla nostra pagina www.sociss.it. e su Facebook a www.facebook.com/SocISS.it
 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 
Segnaliamo che la call for papers della XIII Conferenza ESPAnet Italia (Università Ca' Foscari, Venezia, 17-18 Settembre 2020) è finalmente aperta.
 
Di seguito alcuni link rilevanti:
La call for papers scade il 21 aprile, mentre la comunicazione dell'accettazione dei paper è prevista entro il 5 maggio.

Per qualsiasi chiarimento, vi invitiamo a contattare l'indirizzo espanet2020@unive.it.
 
In particolare segnaliamo le seguenti sessioni che coinvolgono nostri soci:

Sessione n. 27
"Misure di contrasto alla povertà e di attivazione alla luce delle esperienze fatte finora: percorsi di inserimento, dinamiche di vita quotidiana delle persone beneficiarie e ruolo del servizio sociale".

Coordinatori di sessione: Ignazia Bartholini (Università di Palermo), Andrea Bilotti (Università di Siena), Urban Nothdurfter (Libera Università di Bolzano)

https://www.espanet-italia.net/sessione-27-2020/

Sessione n. 31
La prospettiva anti-oppressiva nel sistema socio-sanitario italiano

Coordinatori di sessione: Elena Allegri (Università del Piemonte Orientale, DIGSPES), Barbara Rosina (Presidente Ordine degli assistenti sociali del Piemonte), Mara Sanfelici (Università di Parma), Luana Boaglio (Consigliere Ordine degli assistenti sociali del Piemonte), Alberto De Michelis (Consigliere Ordine degli assistenti sociali del Piemonte)

https://www.espanet-italia.net/sessione-31-2020/

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 
 
EMERGENZA COVID19
MESSAGGIO DEL CD SocISS
 
Ogni parola appare inadeguata, ma il silenzio lo sarebbe ancora di più.
In questo momento così difficile e triste non si può non rivolgere un pensiero innanzitutto ai malati, alle vittime dell'epidemia e ai loro familiari. La prova che l'Italia, l'Europa e il mondo stanno affrontando è terribile e ci interroga sul senso ultimo delle cose e del nostro impegno con e per gli altri.
Un pensiero solidale e grato:  
  • a tutto il personale dei servizi sanitari in prima linea nel contrastare l'epidemia, anche a rischio della propria incolumità; 
  • ai colleghi assistenti sociali che hanno iniziato a fronteggiare l'impatto sociale dell'epidemia e lo dovranno fare ancora di più nel prossimo futuro;
  • ai colleghi docenti impegnati a garantire anche in questi giorni una formazione di qualità ai futuri assistenti sociali, pur a distanza e grazie ai mezzi messi a disposizione dalla tecnologia.
A tutti un pensiero solidale, pieno di tristezza ma anche di speranza affinché tutto quello che stiamo vivendo ci renda più forti e più umani, sempre più impegnati a dare spazio ai valori di giustizia sociale e di responsabilità collettiva su cui fermamente è edificato il servizio sociale.
 
Comunichiamo, in ultimo, che siamo disponibili a raccoglie e pubblicizzare iniziative, riflessioni ed esperienze relativa all'attuale periodo sulla nostra pagina www.sociss.it. e su Facebook a www.facebook.com/SocISS.it
 
Per ora vi segnaliamo due contributi di riflessione:
 

Sentire sociale, nuovi linguaggi emotivi e pandemia. Lo sguardo sociologico.

a cura di Mariangela DAmbrosio
 
a cura di Lena Dominelli e tradotto in italiano da Carlo Soregotti
 
a cura di Cristiana Pregno
 

Il Consiglio Direttivo SocISS
 
 
Vi ricordiamo che è anche possibile inviare articoli originali da pubblicare sulla Rivista di Servizio sociale!
 
La Rivista di Servizio Sociale è organo dell'Istituto per gli Studi sui Servizi Sociali e viene realizzata in collaborazione con la Società Italiana di Servizio Sociale. Fondata nel 1961 la rivista intende rappresentare uno spazio di riflessione e dibattito per lo sviluppo in Italia del servizio sociale sia come disciplina che come professione. Per tale ragione vuole perseguire i più alti standard di scientificità e di rigore metodologico in sintonia con le esigenze di sviluppo, nella pratica dei professionisti dell'aiuto, di riflessioni, metodologie, strumenti e strategie atte a migliorare la qualità dei servizi e delle condizioni di vita di chi si rivolge ad essi.
Destinata pertanto a studiosi, professionisti e studenti del settore, è pronta ad esaminare proposte di contributi che non siano già stati pubblicati altrove e che siano in sintonia con tali finalità e che vengano redatti secondo le norme indicate nell'allegata nota.
Le proposte di articoli pervenute sono sottoposte - dopo una prima valutazione da parte della Redazione e della Direzione della Rivista - al giudizio di due revisori esterni, in forma anonima.
Pertanto, il file dell’articolo andrà inviato in due copie, di cui una versione non recante i nominativi degli autori, pronta per l'invio ai valutatori.
Entrambi i file andranno spediti all'indirizzo: istisss.rivista@gmail.com
Maggiori informazioni a:

https://logintest.webnode.com/attivit%c3%a0/rss/

 
 
 
 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

ICausa emergenza COVID19 la  Joined World Conference on Social Work Education and Social Development - SWESD2020 è stata posticipata dall'8 all'11 novembre 2020!
Iscrizioni SWESWD2020 - iscrizione early bird entro 31 agosto
 
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
 
 
 
 
WSWD2020 ai tempi del COVID19
 
Segnaliamo:
 
Il messaggio per il WSWD2020 della Prof.ssa Annamaria Campanini - Presidente IASS
 
Il video promosso dal CNOAS/CROAS:
 
 
Il video dell'Università del Salento:
 
"Spazi di relazione: gli assistenti sociali da vicino e da lontano"
 raccolta delle foto nell'album presente su Facebook al seguente link: https://bit.ly/2TwszrU

Sito: www.serviziosociale.com/professione/world-social-work-day-2020.html

 
 
 
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
 

CALL FOR PAPERS – XIII Conferenza ESPAnet Italia 2020. Venezia, 17-18 settembre 2020. La call for papers è aperta fino al 21 aprile.

 

Nell’ambito della XIII Conferenza ESPAnet Italia “Il welfare state di fronte alle sfide globali” che si terrà a Venezia il prossimo 17 e 18 settembre, saranno organizzate alcune sessioni a cura di nostri soci.

 

27. Misure di contrasto alla povertà e di attivazione alla luce delle esperienze fatte finora: percorsi di inserimento, dinamiche di vita quotidiana delle persone beneficiarie e ruolo del servizio sociale (Ignazia Bartholini, Urban Nothdurfter, Andrea Bilotti)

31. La prospettiva anti-oppressiva nel sistema socio-sanitario italiano (Elena Allegri, Barbara Rosina, Mara Sanfelici, Luana Boaglio, Alberto De Michelis)

 

Inoltre sarà organizzata un’altra sessione di lavoro sociale:

2. Il social work nei Servizi per la tutela dei minori: tra orientamenti partecipativi e necessità di protezione (Elena Cabiati, Valentina Calcaterra, Maria Luisa Raineri)

Coloro che intendono sottoporre una proposta di paper dovranno inviare un abstract di 500-800 parole entro il 21 aprile compilando il modulo a questo link: https://www.espanet-italia.net/invio-abstract-2020/

 

Sarà cura dell’organizzazione provvedere all’inoltro delle proposte pervenute ai coordinatori di sessione. Ogni abstract potrà essere proposto per una sola sessione.

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata: https://www.espanet-italia.net/call-for-papers-2020/

 https://www.espanet-italia.net/elenco-delle-sessioni-2020/

 
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 

COMUNICATO SUNAS SU COVID 19 E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO:

https://www.sunas.it/index.php/archivio/177-covid-19-e-sicurezza-sui-luoghi-di-lavoro

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
 
Abbiamo il piacere di segnalare che l’Università del Piemonte Orientale, con il patrocinio del Consiglio Nazionale e del Consiglio regionale Piemonte Ordine Assistenti Sociali, ha attivato il
Master di I livello (A.A. 2019-2020) MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DEL SERVIZIO SOCIALE NELLE ORGANIZZAZIONI SOCIO-SANITARIE, SANITARIE E SOCIO-ASSISTENZIALI.
Direttore: Prof.ssa Elena Allegri
 

Presentazione della domanda di ammissione: entro il 16 marzo 2020, ore 12:00

Maggiori informazioni a:
https://www.digspes.uniupo.it/tutto-studenti/offerta-formativa/master/master-management-il-coordinamento-del-servizio-sociale

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

ATTENZIONE - EVENTO RIMANDATO A DATA DA DEFINIRE

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Anche quest'anno la SocISS promuove l'organizzazione di iniziative in Italia correlate al WSWD al fine di sollecitare la riflessione sull’importanza e sul ruolo del Servizio sociale.

Vi invitiamo a segnalarci gli eventi che state organizzando per celebrare la giornata e info@sociss.it in modo da darne diffusione sul nostro sito!

Come per gli anni passati il nostro Presidente registrerà un breve video in occasione della giornata; di conseguenza chiediamo, ove possibile, di prevedere la sua proiezione durante gli eventi.

 

 

A presto per maggiori aggiornamenti!

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Cari Soc*,

il nuovo anno è iniziato e come sempre iniziamo a ricordarvi che il 30 aprile è la scadenza per il versamento del rinnovo della quota per i soci già iscritti negli anni precedenti.
Ricordiamo che ai sensi dell’art. 3 del nostro Statuto, il mancato pagamento della quota determina la decadenza dalla qualifica di socio.

Così come deciso nell'ultima assemblea dei soci, il socio che rinnoverà la quota oltre il 30 aprile dovrà corrispondere una mora di 10 euro.

Sul sito trovate l'elenco dei soci che ci risultano aver pagato la quota 2019 (nel caso vi fossero degli errori vi preghiamo di segnalarcelo):

https://logintest.webnode.com/soci/


L’ammontare e le modalità per il versamento della quota sociale 2020 sono le medesime degli anni passati:
 

  1. Effettuare un versamento di 60€ con bonifico bancario al conto corrente intestato a Società Italiana di Servizio Sociale (NON l'acronimo SocISS)
    c/o Cariparma e Piacenza, Sede Centrale V. Università 1/a, 43100 PARMA
    IBAN ELETTRONICO: IT79M0623012700000036270302
  2. Compilare il form reperibile al seguente (solo nel caso in cui i vostri dati fossero cambiati rispetto al 2018)  LINK

Per maggiori informazioni visitare il nostro sito a: https://logintest.webnode.com/come-iscriversi/

 

Ringraziamo tutti i soci anticipatamente per la collaborazione!



-----------------------------------------------------

Segnaliamo la news:

Le telematiche dicono «addio» a psicologia, pedagogia e servizi sociali